Il significato metafisico della Pasqua

Articolo Pasqua significato metafisico 07042023

La parola “Pasqua” deriva dal greco pascha, che a sua volta deriva dall’aramaico pasah, che significa “passare oltre”.

La Pasqua ebraica o Pesach commemora la liberazione del popolo ebraico dalla schiavitù d’Egitto e l’esodo verso la terra promessa. Nella Pasqua cristiana si celebra la resurrezione di Gesù dopo la crocifissione.

La Pasqua indica quindi un passaggio da uno stato di coscienza di limitazione e schiavitù a uno stato di coscienza di libertà, il passaggio dalla morte alla rinascita, dalla morte dell’inverno alla rinascita della primavera.

La Pasqua è un periodo di elevazione spirituale e di purificazione, di liberazione dall’attaccamento nei confronti di ciò che è transitorio e illusorio. Nel suo significato metafisico, la Pasqua rappresenta un processo evolutivo verso la Resurrezione, cioè il raggiungimento di un livello più alto di consapevolezza.

Il Tempo Sacro della Pasqua si apre con la Quaresima, la quale ha inizio al termine del Carnevale (“carne vale” = dare valore alla carne, al piano fisico: soldi, denaro, potere, cibo, sesso, idolatria alla personalità).

La Quaresima comincia il Mercoledì delle Ceneri: la cenere simboleggia quel tornare ad “essere cenere”, che è il destino di tutto ciò a cui abbiamo dato tanto valore nel suo aspetto puramente fisico, materiale, esteriore. La cenere è tutto ciò che resta di ogni nostra illusione, di tutto ciò a cui abbiamo dato eccessiva importanza, o potere, nel piano della transitorietà. Solo la Divina Presenza IO SONO è ciò che sarà sempre con noi.

La Quaresima è un periodo di 40 giorni, che rappresentano i 40 giorni di Gesù nel deserto prima di iniziare il suo ministero, in cui visse e sperimentò la tentazione. Il numero 40 rappresenta un tempo indeterminato di purificazione, per elevarci ad uno stato superiore di coscienza:

Nella Domenica delle Palme ricordiamo l’ingresso trionfale di Gesù, su di un asino, a Gerusalemme e segna l’inizio del periodo della Pasqua.

Gerusalemme, la città Santa, rappresenta lo stato di coscienza elevato; l’asino rappresenta la mente testarda, che deve essere dominata per poter accedere ad uno stato di coscienza più elevato.

La crocifissione di Gesù rappresenta la crocifissione della nostra personalità, che permette la Resurrezione in noi del Cristo interiore.

Durante il periodo della Pasqua la Fiamma della Resurrezione avvolge tutta la Terra e fa risorgere tutta la Natura dalla morte dell’inverno. Anche noi dobbiamo usare la radiazione della Fiamma della Resurrezione per far risorgere in noi il nostro Cristo interiore.

[Liberamente tratto da “Significato metafisico della Pasqua“, Editrice Italica]


2 thoughts on “Il significato metafisico della Pasqua

  1. Grazie 🙏
    Con questi insegnamenti metafisici ho più consapevolezza e un’altra visione del significato della Pasqua 💜♥️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiudi